Cerca
  • cristiana rosa

Utthita Trikonasana (posizione del Triangolo esteso)

Aggiornamento: 25 apr 2021

Nel corso della storia il numero é sempre stato potente nella religione, nella spiritualità, nella politica e in natura. Tre era il numero dell'armonia per Pitagora, della completezza per Aristotele, della forza per il taoismo e della lealtà, del rispetto e della raffinatezza in Cina.

Per quanto riguarda la tradizione Yoga, ci sono i tre Dosha (le sostanze vitali presenti nell'apparato psicosomatico) ayurvedici (Vata, Pitta e Kapha), i tre Guna (le caratteristiche della natura, della materia e della vita: Tamas, Rajas e Sattva), le tre Nadi principali (canali sottili dove circola il prana: Ida, Pingala e Sushumna) e i tre elementi della creazione (Brahma), conservazione (Vishnu) e distruzione (Shiva) nella Trimurti (la Trinità indiana).

In Utthita Trikonasana, i tre angoli si uniscono per creare una struttura triangolare - che appare già nei tempi antichi nelle piramidi egizie - e, comunque, il tridente spesso compare nella mitologia, nella religione e nell'iconografia.

Il triangolo simboleggia il potere, la divinità, il fuoco, il cuore, le montagne, la prosperità, l'armonia e la regalità, mentre il triangolo capovolto é lunare e rappresenta la grande Madre, l'acqua e la grazia.

Quindi, stabilità e grazia...

Pertanto, Trikonasana é una posizione Yoga fortemente simbolica. Il suo significato spirituale sta nell'idea di trasformazione. I tre punti rappresentano la trinità e, quindi, la creatività, la conservazione e la distruzione. I due triangoli nel cuore significano l'unione del nostro sé inferiore con il nostro sé superiore. La perfezione della posa porta all'equilibrio dei tre Guna: all'armonizzazione tra l'inerzia e l'incoscienza (Tamas), la passione e la creatività (Rajas) e la leggerezza e la consapevolezza (Sattva) - che altro non sono che le componenti di Maya (il mondo dell'illusione che percepiamo attraverso i sensi).


33 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti